Porte blindate

 

Per definire a classe di resistenza di un certo modello di porta, si simula un  vero e proprio tentativo di intrusione da parte di un tecnico specializzato munito di determinati utensili da scasso.


Antecedentemente al tentativo di scasso la stessa viene sottoposta a urti e compressione che simulano le possibili fasi di un tentativo di scasso.  Queste norme sono state recentemente riviste ed implementate onde sostituire le precedenti ed obsolete norme UNI, che definivano solo in modo parziale la resistenza di una porta in quanto erano eseguite solo con parte delle attrezzature che effettivamente un ladro potrebbe possedere. In base all’attrezzatura a disposizione ed al tempo per il quale la porta resiste al tentativo di effrazione viene assegnata la classe di resistenza della stessa. Più la classe è alta, più la resistenza è maggiore.  Le nostre porte sono progettate e costruite per essere resistenti alla “classe 2” e con talune caratteristiche di resistenza della “classe 3”.


Le classi della nuova normativa vanno dalla 1 alla 6, ma che ci sia dato a sapere, la massima classe fino ad oggi ottenuta da una porta di sicurezza in accordo a questa designazione  e testata dall'istituto GIORDANO SPA è la “classe 4”, in accordo alla quale la porta resiste all’attacco da parte di un operatore munito fra gli altri di trapano, sega, piede di porco, seghetto, ascia, scalpello, martello etc. per un periodo di 10 minuti di operatività effettiva.

 

Le nostre porte sono dotate di sistema antischeda di intrusione, cilindro europeo, lama paraspifferi, gancio di sicurezza e garantiscono elevati performance di isolamento termo/acustico.



 

Particolari tecnnici:

Antischeda
Cilindro Europeo
Doppio cilindro
Gancio di sicurezza Lama paraspifferi Lama paraspifferi
Particolari del tipo di chiusura Particolare del tipo di serratura